Sa Surbile

Un’altra storia mamoiadina tratta dal libro La Sibilla Barbaricina

Su Contu de Sa Surbile

Il racconto che segue è frutto di numerose interviste ad alcuni mamoiadini negli anni ’60. In questo caso l’intervistata è Maria Francesca Corrias, la madre di Giovanni Canu, lo scultore amico di Raffaello Marchi.

Anticamente in Mamojada v’adiada una ’emina chi si bortabat i’ sùrbile e hi usabad’ s’ozu santu e issa boi si zirabad in mushòne e in gattu; e cant’issa si zirabad i’ mushòne intrabad i’ ssu buccu ’e sa cràe a che suzzàre su sàmbene a sos pizzinneddos héne battizzàos; che li suzzàba’ su sàmbene e restabana lìbidos e morìana dae hùstu.

Ma sas anzianas timende lis ponìana sa hòrtihe sutta su capitale cà juchende attarju no los tohàbada. Si harhi borta dubitàbana de l’àere tohàu, nche ziràbana sa tripide a s’imbesse, ca b’adìada una hémina chi dubitàbana de esséred issa e andàbana a domo sua e l’ahattàbana tottu aggromeràha e tando s’assicuràban de esser issa. La dimandàban pro itte hi gai e issa naràbad:

Jà l’ischìes vois pro itte so’ gòi. Torràeche a zirare sa tripide e jeo jà mi nche peso.

E finzas chi non nche ziràban sa tripide issa non si che pesàbada. Ca una borta hi issa hidi assurbilàha no si nche podìad isconzare prus.

Cando su pizzinnu es puntu dae sa sùrbile (assurbilàu) nabana: “Su pizzinnu er mortu assurbilàu ca est tottu tanàdu” (livido, dissanguato); si diceva: “tanàdu che ficadu” (livido come il fegato).

Sa sùrbile

Per mezzo dell’olio santo la sùrbile era capace di volare per l’aria e di andare in un attimo dove voleva.

Ozu santu, ozu ’eneitu de bola-bentu
in tal’ora nche dep’essere in tale trettura

allora si trasformava in mosca ed entrava anche nel buco delle serrature.

Fino a 50 anni fa si facevano gli scongiuri per la sùrbile, perché era morta una bambina assurbilada che aveva un costato tanàdu (colore asùlu).

Fino a pochi anni fa rubavano l’olio santo che serviva per gli scongiuri. Le sùrbiles andavano a rubare di sera nelle chiese l’olio santo che serviva per librarsi in volo.

Per le visitarici sospettate di essere sùrbile, senza farsene accorgere, la padrona girava il tripode a rovescio: se la visitatrice era sùrbile orinava, cercando di nasconderlo: da questo rivelava di esserlo.

L’immagine di copertina è un disegno di Rosetta Murru tratto dal libro di Grazia Deledda – Tradizioni Popolari della Sardegna.

(Visited 94 times, 10 visits today)

Lascia un commento