Mamoiada, le bollette ENEL arrivano scadute

Tantissime le segnalazioni dei mamoiadini in seguito alla ricezione delle utenze scadute.

Diverse utente domestiche si sono viste recapitare ieri le bollette della luce dopo quasi un mese dalla scadenza.

Dopo il danno anche la beffa perché insieme alla bolletta scaduta arriva anche il sollecito di pagamento!

E’ successo ieri, e diverse sono state le segnalazioni dei miei compaesani attraverso i social.

Tra l’altro sappiamo bene che pagare la bolletta in ritardo comporta l’addebito della mora e dei relativi interessi. Per arrivare poi sia alla diminuzione della potenza erogata che al distacco della fornitura.

Infatti come si evince dal sollecito, “persistendo la morosità, la informiamo che procederemo ad addebitare l’importo relativo alla sola quota energia sulla prossima bolletta utile.”

sollecito-di-pagamento-ENEL

Anche il sollecito comunque non risulta molto tempestivo, la data è infatti del 14/11/2019, essendo arrivato ieri insieme alla bolletta sono passati ben altri 12 giorni…ovviamente di mora in più!

A pagare è sempre l’utente finale e purtroppo ad oggi nulla si può fare se non l’addebito bancario o postale che comunque alla fine dell’anno pesa sempre sul costo del c/c.

La soluzione più semplice sarebbe quella di rendere le bollette tracciabili con un sistema di scansione che i postini devono sparare con il lettore laser al momento della consegna. In questo modo l’utente finale avrà in mano una prova della ritardata consegna delle utenze.

Nel frattempo centinaia di migliaia di cittadini, perché non penso che sia il caso solo di Mamoiada, nella prossima bolletta si ritroveranno il pagamento della mora non voluta….

Di chi sia la colpa non è dato sapere anche se le consegne normalmente avvengono tramite Poste Italiane.

E io pago!

(Visited 130 times, 15 visits today)

Lascia un commento