Una cara graziosa e delicada

Una dichiarazione d’amore di tanto tempo fa

Sistemando alcune vecchie interviste mi sono imbattuta in questa “crobba”.

L’autore dovrebbe essere un certo Zoseppe Golosio fratello di tzia Mariantonia Golosio e venne recitata a proposito di due innamorati.

L’autore non è l’innamorato.

Ma a quanto pare l’uomo era già impegnato con altra donna.

Nell’intervista vengono citati anche i due fidanzati ma per questioni di privacy non riporto i nomi.

Sa crobba mi venne recitata da tzia ANNI’EDDA MELE AR’IONE sorella di nonno Mele nel 2006, all’epoca aveva 93 anni.

Una cara graziosa e delicada

chi attraes su sole a su manzanu

pares dae Pandora battizada

chin d’unu trattu affabile e umanu

Mas su coro infiammadu

pro lu mirare dogni cristianu

Dammi sa manu delicada rosa

su sinnale de affettu e de isposa

Donna:

Jai lu vio chi sese impegnadu

sa manu mea non ti potho dare

ma pro commo ti naro a perdonare

Perdonare mi des caru viore

rispettami sa manu e ‘i s’onore

Uomo:

Jai lisco chi der esser rispettada

vinas a isposare in unione

si sa manu mi das male non bada

non mi lesses in custa impressione

e ne mancu de morrer de dolore

A dia d’esser a dispiaghere

chi dio tenner si dio perdere a tie

Ma t’appo a umprire in tottus sos doveres

dimmandes si non beni cussa die.

Un’altra testimonianza di zia Mariantonia Muggittu e trascritta nel libro di Mariella Golosio “A Mammai”, riporta alcune strofe che tzia Anna non recita

Si mi daes sa manu male non bada

non mi lesses in custa impressione

pro chi sa mente mia es rizirada

chi mi so cossuminde sa pessone

o fiore amadu ogni momentu

dammi sa manu sola e so cuntentu

Donna:

Lea sa manu e no istes suspesu

pero ista pulitu e curtesu

Uomo:

O manu de amore penetrante

ch’in mas dadu in affettu e cordiale

pro esse s’amore pius costante

ch’in attera manu anghela uguale

e lassamilu toccare su sinu

chi parede fioridu unu giardinu

Mi racconta zia che da questa relazione nacque un bambino.

All’epoca del’intervista ancora vivo, cresciuto dal padre, ma non mi è stato rivelato il nome.

Sul podcast Barbaricina stories ho inserito anche questo brano potete ascoltarlo qui sotto.

(Visited 131 times, 9 visits today)

Lascia un commento