Esiste in molti paesi un’invocazione particolare legata a San Martino di Tours: sas doghi paragulas, una preghiera a più strofe che veniva recitata in occasione di tempeste o temporali. L’origine di questa invocazione pare sia dovuta a una leggenda sarda.

Tempo fa feci una ricerca per il giornale locale “S’Istentu” (era il 2000) e andai ad intervistare alcune anziane del paese per recuperare antiche preghiere e leggende.


Saltò fuori questa preghiera che l’anziana (tzia Tatana) recitò tutta d’un fiato, disse lei: “si si cumminzana si deppede accabbare” (se si iniziano si devono terminare), e così fece. Successivamente raccontò anche la storia legata a questa preghiera.

 Un giorno la madre di due belle ragazze, un pò spazientita perchè nessuno le chiedeva in sposa e quindi gelosa delle altre che erano attorniate da molti pretendenti, esclamò in maniera frettolosa che le avrebbe date in sposa “mancari ìi essère benniu su Diavulu” (magari fosse venuto il Diavolo).

Il Diavolo sempre in agguato non si fece sfuggire l’occasione e un giorno vestito da gran signore andò a bussare alla casa della donna dichiarandosi innamorato di una delle figlie e quindi intenzionato a sposarla.

San Martino, informato del fatto, immaginò che fosse opera del Diavolo e preoccupato che la ragazza potesse finire all’inferno, decise di intervenire.

Il Diavolo volle affrettare le cose e decise di sposarsi prima possibile, a lui non mancava nulla e c’era poco da preparare.

San Martino perciò si travestì da mendicante e chiese accoglienza alla casa della ragazza; la padrona rispose che erano troppo indaffarate e che l’indomani si sarebbe svolto il matrimonio e quindi non poteva tenerlo in casa.

Il Santo insistette disposto persino  a sistemarsi “in su ‘uzone de s’is’opa” (nell’angolino dove si teneva la scopa).

A forza di insistere San Martino ottene l’accoglienza a all’insaputa del Diavolo che l’indomani all’arrivo in casa si sentì dire : ” Su chi best’intro non bes fora Santu Martine in paragulas vonas, che sias isprufundau, sprufundau sies Bundu! Non ti vias in custu mundu, ind’unu mundu de crau che sias isprufundau!

Fu così che secondo la leggenda San Martino riuscì a allontanare il Diavolo  facendolo sprofondare in fondo al mare.

La leggenda invece che noi tutti conosciamo è quella di San Martino che nel rigido inverno del 335 Martino incontrò un mendicante seminudo. Vedendolo sofferente, tagliò in due il suo mantello militare (la clamide bianca della guardia imperiale) e lo condivise con il mendicante. La notte seguente vide in sogno Gesù rivestito della metà del suo mantello militare. Udì Gesù dire ai suoi angeli: «Ecco qui Martino, il soldato romano che non è battezzato, egli mi ha vestito». Quando Martino si risvegliò il suo mantello era integro. Ancora oggi l’11 novembre di ogni anno viene chiamato con il nome di Estate di San Martino.

A Mamoiada questa preghiera veniva recitata in occasione di temporali, tutte le anziane ribadirono che una volta iniziate dovevano essere terminate. Trovai differenze in alcune frasi dell’invocazione, ma in generale l’impianto era lo stesso.

Riporto la versione integrale recitata da tzia Tatana

Santu Martine in paragulas vonas

Su ‘i vest’intro non bes fora

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer una

Prus a su sole chi non a sa luna

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer duas

Sas duas taulas de Moisé

Cristu c’ando abbasseis a pè in terra

Apperi sas portas de Zerusalemme

Nande Deus babbu, Deus fizu,

Deus ispiritu Santu amen

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer très

Sas très Marias, sas duas taulas de Moisè

Cristu c’ando abbasseis a pè in terra

Apperi sas portas de Zerusalemme

Nande Deus babbu, Deus fizu,

Deus ispiritu Santu amen

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer battoro

Sos battor Vanzelios, Sas très Marias, sas duas taulas de Moisè

Cristu c’ando abbasseis a pè in terra

Apperi sas portas de Zerusalemme

Nande Deus babbu, Deus fizu,

Deus ispiritu Santu amen

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer chimbe

Sas chimbe pragas, Sos battor Vanzelios, Sas très Marias, sas duas taulas de Moisè

Cristu c’ando abbasseis a pè in terra

Apperi sas portas de Zerusalemme

Nande Deus babbu, Deus fizu,

Deus ispiritu Santu amen

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer ses

Sas ses ‘Andelas de Galilea, Sas chimbe pragas, Sos battor Vanzelios, Sas très Marias, sas duas taulas de Moisè

Cristu c’ando abbasseis a pè in terra

Apperi sas portas de Zerusalemme

Nande Deus babbu, Deus fizu,

Deus ispiritu Santu amen

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer sette

Sos sette Sacramentos, Sas ses ‘Andelas de Galilea, Sas chimbe pragas, Sos battor Vanzelios, Sas très Marias, sas duas taulas de Moisè

Cristu c’ando abbasseis a pè in terra

Apperi sas portas de Zerusalemme

Nande Deus babbu, Deus fizu,

Deus ispiritu Santu amen

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer otto

Sos ottos coros d’Anzelu, Sos sette Sacramentos, Sas ses ‘Andelas de Galilea, Sas chimbe pragas, Sos battor Vanzelios, Sas très Marias, sas duas taulas de Moisè

Cristu c’ando abbasseis a pè in terra

Apperi sas portas de Zerusalemme

Nande Deus babbu, Deus fizu,

Deus ispiritu Santu amen

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer nove

Sos noves ordinamentos, Sos ottos coros d’Anzelu, Sos sette Sacramentos, Sas ses ‘Andelas de Galilea, Sas chimbe pragas, Sos battor Vanzelios, Sas très Marias, sas duas taulas de Moisè

Cristu c’ando abbasseis a pè in terra

Apperi sas portas de Zerusalemme

Nande Deus babbu, Deus fizu,

Deus ispiritu Santu amen

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer deghe

Sos deghe ‘ummandamentos, Sos noves ordinamentos, Sos ottos coros d’Anzelu, Sos sette Sacramentos, Sas ses ‘Andelas de Galilea, Sas chimbe pragas, Sos battor Vanzelios, Sas très Marias, sas duas taulas de Moisè

Cristu c’ando abbasseis a pè in terra

Apperi sas portas de Zerusalemme

Nande Deus babbu, Deus fizu,

Deus ispiritu Santu amen

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer undighi

Sas undighi milli ‘entas virzines, Sos deghe ‘ummandamentos, Sos noves ordinamentos, Sos ottos coros d’Anzelu, Sos sette Sacramentos, Sas ses ‘Andelas de Galilea, Sas chimbe pragas, Sos battor Vanzelios, Sas très Marias, sas duas taulas de Moisè

Cristu c’ando abbasseis a pè in terra

Apperi sas portas de Zerusalemme

Nande Deus babbu, Deus fizu,

Deus ispiritu Santu amen

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer doghi

Sos Doghi Apostolos, Sas undighi milli ‘entas virzines, Sos deghe ‘ummandamentos, Sos noves ordinamentos, Sos ottos coros d’Anzelu, Sos sette Sacramentos, Sas ses ‘Andelas de Galilea, Sas chimbe pragas, Sos battor Vanzelios, Sas très Marias, sas duas taulas de Moisè

Cristu c’ando abbasseis a pè in terra

Apperi sas portas de Zerusalemme

Nande Deus babbu, Deus fizu,

Deus ispiritu Santu amen

Tantu chi ses Martine de sas doghi paragulas

mind’asa a narrer treghi

Su e treghi no est lé, dughentos milli e passos

a largu dae mè.

Che sias isprufundau, isprufundau sias Bundu!

Non ti vias in custu mundu

Ind’unu mundu de crau che sias isprufundau!

Alcune varianti, come ho detto in precedenza riportano differenze su alcune frasi; nell’inizio ad esempio alcune recitano Santu Martine in paragulas vonas siada in intro siada in fora, altre invece De sas doghi paragulas ben adornadas de Santu Martine mind’asa a annare una…. Alcune anziane non recitano l’ultima strofa, colpa forse del tramandare oralmente queste preghiere che con i secoli hanno sicuramente fatto perdere quello che era l’impianto originale.

(Visited 363 times, 43 visits today)
Elemento aggiunto al carrello.
0 items - $0.00