Mamma italiana e mamma orunesa al tempo del coronavirus

Una simpatica strigliata in sardo della bravissima Francesca Pala di Orune

Non si immaginava di certo tutto questo successo eppure il post che ieri ha imperversato sulle chat di wathsapp della Sardegna è diventato un tormentone.

Fino a stamattina non sapevo chi fosse l’autrice ma grazie all’intervento di una sua conoscente sono riuscita finalmente a renderle merito.

Purtroppo il post è stato copiato dalla sua bacheca e condiviso senza la sua firma.

Per alcuni la comprensione del testo è un pò ostica, molti dei dialetti barbaricini specie nella versione scritta non sono di facile lettura.

Ma quelle frasi sembrava di sentirle davvero reali! Possiamo cambiare la variante e il risultato non cambia!

Alzi la mano chi di voi qualche volta non ha avuto una strigliata di questo tenore!!!

Riporto qui il dialogo della mamma orunesa per chi se lo fosse perso sui social.

Un po di leggerezza e qualche risata in questo periodo buio.

Il dialogo

La ragazza passeggia nervosamente in casa perché, a causa delle disposizioni per arginare il coronavirus,non può uscire fuori a divertirsi con gli amici…😭La mamma si avvicina alla ragazza per parlare con lei e gli dice questo….”Tesoro!!❤ Sei nervosa perché non puoi uscire a divertirti? Ti capisco, però vedrai che tutto questo finirà presto e potrai andare liberamente dove vuoi..devi avere pazienza..coraggio, fatti forza tesoro della mamma!!😥”…….

La mamma orunese invece affronterebbe così la situazione 😱……”Naraaaa!!!!

Su merme juches??🙄…mia chi mi sesse inghaddhighinanne chi su intra e esci in cussas istanziassa….nervossa sesse?.😳.sa conca a su muru t’ iscricca ca vies chi ti passat…ca ne juches puru su rajoleddhu incarnadu ca non podes iscire….sa lastima!!!😬A biere si los inis sos ziros die manna chin die….

Non pesses chi ses acchenne su teju ca non b’at iscola…..male craduccu!!! 😆Su dispiaghere este ca non podes iscire a ti acchere sos seffis chi cussas doddhossas de cumpanzas tuas…tres oras de rellozu in cussu bagnu 😬chin fonos e piastras a t’allisciare vene….ma da t’ alliscio jeo de attera manera. 🙈

Non pesses chi m’at nadu…”cola mà, ca nos cocchimus una banniccheddha de pane po che inghiriare sa die “…balla ca nono!!!..🤪o de acchere azzicu de maccarrones de unu poddhicche tantu chin cussas ungras che gattu maurru chi juches da li annat si ti cheres ponnere a fachere sas fainas…allumancu po cossa!!!.😂..timenne de che lavare s’isterju non ti las isciuppes…nichele, manna ‘e badas!!! 😀

Nevrastenica puru este ca da ti sono ucchidenne sos pessamentos chi juco jeo…o gai chin su telefoneddhu dae manzanu a sero…manniccanne puru chin isce in manos…🤨ma tantu carchi die t’iscarmento vene…assa a biere!!!

E mia non ti arzet beberecche de voccare conca a foras vinzas de canno no init custa pesta….😟ca ne juco su vrittu postu chin tottu su chi b’este suzzedenne chi no mi che voccas dae su munnu tue chin sos ziros che macca chi ti acches…☹️chi da ne dess’ aer aju de ti ischervicare in cussos istradones e de ti torrare su sospiru chin sos ziros…su tinu ti si ziret!!!…..

Vae a ti rimunire cussa camera ‘e lettu e gulliti sas ungras chi sesse attontada pejus de coment’issi….e abbarra brazziccada in d’unu locu chene sicchire a abbisciare sa zente chin su intra e esci….cumpressu??”………..Io direi che la ragazza abbia capito e sono sicura che anche lei, finito tutto, andrà a sos concheddazzos a vocchiare…ne sono convinta!!😁😁

(Visited 289 times, 11 visits today)

Lascia un commento