Una mattinata alle poste

Come raccogliere suggerimenti per i tuoi post ascoltando le lamentele della gente

Non è proprio la mia passione fare la fila negli uffici pubblici, ma a volte è necessario. Ogni volta mi riprometto di starmene buona e non dare retta alle innumerevoli lamentele che fuoriescono dalle menti ingarbugliate di chi con rassegnazione fa la fila, ma ahimè ci casco sempre.

Non posso negare però che le poste, così come gli sportelli bancari sono una fonte incommensurabile di idee per i tuoi articoli. Alle volte escono fuori anche considerazioni interessanti e suggerimenti utili su come affrontare la vita di tutti i giorni.

Oggi è stata la volta delle bollette TARSU in imminente scadenza (domani), credo fossero tutti convinti (come me del resto) che oggi ci sarebbe stata meno fila, tant’è che come fanno le api attirate dal miele oggi tutti alle poste!!

Arrivi – “pare prenu” (sembra pieno)!

Qualcuno fa un tentativo di ingresso, fa un giretto lungo l’ufficio, circa  5 metri x2 , poi esce…”app’a torrare a pustis” (ritornerò dopo).




Dentro solo facce di rassegnazione, l’impiegata è solo una, tutti attendono il loro turno ma ovviamente c’è chi fa il furbo ed ecco che scattano le contestazioni! Ero nell’angolino, sei arrivato dopo, ti ho visto!!

A Mamoiada non esiste il numeretto per la fila. Chi è l’ultimo? Il penultimo? Il tuo sguardo non si stacca per un attimo da chi ti precede, devi essere veloce e preciso.

Guai poi ad avvicinarti allo sportello per chiedere un modulo! Avete presente un branco di cani randagi affamati? Beh, non vi consiglio di provarci, chiedete prima e fate in fretta!

Interessante sarebbe aprire uno sportello amico per le lamentele. Quelle sulle bollette TARSU di oggi sono interessanti. Ci si chiede come mai pagare oggi la rata intera e non in un qualsiasi giorno dell’anno. Basta pagarla! Invece no, o tutta oggi o niente, paghi a rate, sempre che ti ricordi delle innumerevoli scadenze. E poi in mezzo in mezzo ci si mette pure Abbanoa con le comode rate sino al 2020. Che una potrebbe anche non esserci e quindi come fare?

Aiuta anche tu un mamoiadino a ricordare le scadenze delle bollette! Compragli un calendario. Condividi il Tweet

In ogni caso, se dovessero chiudere le poste a Mamoiada sarebbe una tragedia! Dove potrei andare a cercare “spremute di umanità” (cit.) ! Non che ne abbia tutta questa voglia, sia ben inteso, ma è un buon esercizio per la mente e per l’autocontrollo.






  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento